Pieri, Ricci: Differenziatevi!

Spazzatura Pesaro 2' di lettura 20/06/2014 - Questa mattina mi sono fermato dinnanzi ai cassonetti della mia via e ho fotografato questa situazione che si protrae da troppo tempo. Numerose le segnalazioni a Marche Multiservizi che fa “spallucce” nonostante la ghiotta Tari.

La domanda sorge spontanea: come possono aumentare contemporaneamente la percentuale di differenziata e la tariffa dei rifiuti? Il rifiuto differenziato è una risorsa, pertanto i cittadini che investono tempo e spazi di casa per fare bene la differenziata dovrebbero essere ricompensati con la diminuzione delle tasse… e invece? Come sempre il buon senso sembra cosa rara!

Ecco forse queste immagini pongono i riflettori su due aspetti principali: la mancanza di educazione al rispetto del prossimo e al corretto smaltimento dei rifiuti (comportamenti che dovrebbero essere incentivati con “premi” per chi differenzia correttamente) e la mancanza di strategie da parte dell’amministrazione comunale per migliorare la situazione. Si cominci seriamente a parlare di educazione e di incentivi. Noi di proposte ne abbiamo e le porteremo in consiglio comunale: la tariffa puntuale, la raccolta differenziata porta a porta allargata a tutta la città e percorsi di educazione al riutilizzo. Pensiamo sia inutile applicare metodi coercitivi per cambiare la situazione, immaginando nuove tasse oppure appostamenti di vigili in borghese. Bisogna affiancare strategie di educazione alla differenziazione del rifiuto (mediante incontri nei quartieri, per esempio) a percorsi che insegnino come riutilizzare ciò che pensiamo essere spazzatura (il materasso della foto avrebbe fatto comodo alla Caritas o a Casa Mariolina... no?) e infine a strategie di alleggerimento della bolletta grazie alla tariffa puntuale: più il cittadino è virtuoso, più il cittadino sa differenziare e MENO PAGA.

Non chiediamo al Sindaco Ricci e Pieri che incontro spesso le mattine in questa via, e che ora ha un posto di lavoro e quindi dovrebbe essere meno angosciato dal futuro e più interessato al Comune, di fare come il Sindaco a 5 Stelle di Bagheria che da neoeletto ha messo i guanti e cominciato a sistemare a braccia le situazioni ereditate come queste, né di risolvere il grave conflitto di interesse che vede l’erogatore del servizio di raccolta porta a porta gestire le discariche della provincia (è come se l’Avis fosse gestito dal conte Dracula CIT: Maurizio Pallante), ma visto che si sbandieravano in campagna elettorale milioni di euro di risparmi a Pesaro, o più correttamente che non si è saputo come investire, almeno fatevi consigliare da noi come gestire questa situazione che ha certamente un carattere di urgenza. Non vorrei che tra qualche mese si incominci a parlare addirittura di… inceneritori…

Adesso vi basta poco per differenziarvi davvero, vi basta riciclare e riutilizzare le nostre proposte.

Henry Domenico Durante






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-06-2014 alle 19:53 sul giornale del 21 giugno 2014 - 1688 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, Movimento 5 Stelle, Spazzatura Pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/6bt





logoEV