#Pesaroviva, Ricci: 'Così diamo vivacità alla città'

Matteo Ricci 4' di lettura 20/06/2014 - Altro hashtag con nuovo pacchetto di misure per Matteo Ricci. Dopo '#RipartiPesaro' il sindaco mette sul tavolo '#Pesaroviva': quattro ordinanze e un bando fatto entro la fine di luglio, "che vanno nelle direzione di vivacizzare ancora di più la città".

Misure presentate con il vicesindaco Daniele Vimini e l'assessore al ramo Enzo Belloni. "Ma grazie anche a Massimiliano Santini e Marco Perugini, nel loro ruolo di consulenti del consiglio comunale. In questi anni si sono impegnati per dare vivacità alla città". Poi Ricci va nel dettaglio delle misure.

Pesaro suona. Primo punto: "Con un'ordinanza rendiamo possibile la musica dal vivo in tutti i locali della città. Fino ad oggi c'erano problemi legati all'impiantistica e, di conseguenza, alle autorizzazioni. Rendevano molto difficile fare musica dal vivo nei locali. Adesso semplifichiamo, evitando multe o certificazioni impossibili per gran parte dei locali pesaresi e dei gruppi. C'è stata una richiesta forte, in questo senso, che abbiamo accolto".

Pesaro in festa. Seconda ordinanza. "Oggi il regolamento comunale prevede 'feste' in spiaggia solo il sabato. Noi liberalizziamo il giorno, in modo tale che ogni stabilimento possa fare una festa alla settimana, in qualsiasi giorno della settimana, comunicandolo al Comune. Chiederemo agli esercenti della città di evitare di scegliere tutti lo stesso giorno. Gli orari rimangono quelli prestabiliti (Viale Trieste fino a mezzanotte; Baia Flaminia e Sottomonte fino alle tre, ndr). Insomma, ci sarà la possibilità di avere momenti di feste tutte le sere dell'estate".

Venerdì pesarese. Il sindaco lancia l'idea del divertimento sicuro. "Vogliamo sperimentare due venerdì (25 luglio e 8 agosto) nei quali metteremo insieme tutti gli esercenti lungo la nostra ciclabile, da Baia Flaminia a Fosso Sejore. Non solo spiaggia: bar, ristoranti lungo il tratto. Noi li chiamiamo a raccolta e ognuno darà il suo contributo per allestire un programma, in queste serate, dalle 18 alle 4 di notte (viale Trieste fino all'una, Sottomonte fino alle 4). Se funziona, replicheremo nel lungo periodo l'esperimento in modo stabile, un giorno alla settimana, nei mesi estivi. Il perno è la possibilità di muoversi in bici e navette che faranno avanti e indietro. Allestiremo anche postazioni di bici elettriche per il bike-sharing. Il nostro compito è creare un meccanismo organico di proposta e comunicarla bene. I locali non sono concorrenti fra loro ma pezzi di un unico programma".

Weekend al mercato. Sul centro: "Mettiamo a disposizione il Mercato delle Erbe, il sabato e la domenica, dalle 4 del pomeriggio del sabato alla mezzanotte della domenica, a vantaggio di chi vuole aprire attività eno-gastronomiche, artistiche e musicali. L'idea è un polo attrattivo che possa catalizzare gente nel resto del centro. L'iniziativa partirà da settembre per proseguire nell'inverno». L'assegnazione della gestione avverrà attraverso un bando: «Si concentrerà sui primi 4 mesi. Vogliamo dare a persone diverse la possibilità di gestire questo spazio. Non ci sarà un unico gestore. Vinceranno i progetti. La priorità? Le daremo ai progetti presentati da giovani, in accordo con attività già esistenti nel centro storico. Il bando uscirà entro la fine di luglio. Assegniamo la gestione dei primi 4 mesi a partire da settembre. Andremo avanti di quadrimestre in quadrimestre con bandi rinnovabili".

Piazza Mosca Libera. L'ultimo punto è, nelle parole del sindaco, "la restituzione alla città di un salotto". Quindi: "Con un'ordinanza toglieremo definitivamente le auto da piazza Mosca. Organizzeremo una festa della liberazione della piazza dalle macchine, con museo aperto e iniziative culturali. Ovviamente è un luogo dove nel tempo vorremo anche costruire un arredo urbano definitivo. Ma già da subito vogliamo dare un segnale molto forte. Troveremo soluzioni di parcheggio alternative e il più possibile vicino a casa per i residenti. Se la città investe sulla Bellezza non tiene le auto davanti ai musei civici".

Conclusione generale: "Vogliamo una città più vivace e sicura. La novità è che si rischia facendo. Preferiamo sbagliare e fare piuttosto che aspettare e non fare". Belloni: "Col pacchetto andiamo incontro alle richieste dei giovani ma non solo". Vimini: "Allarghiamo i palcoscenici per la musica dal vivo, per caratterizzare sempre più Pesaro dal punto di vista musicale. 'I palchi' adesso sono in tutta la città. Su piazza Mosca ci tenevamo particolarmente, la concepiamo come una vetrina culturale di tutto il centro. Sarà un progetto all'insegna della qualità. In una prima fase interverremo con arredo verde e leggero, per poi lavorare sulla riqualificazione. Il primo luglio ci sarà la festa, la connotazione sarà culturale".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-06-2014 alle 19:26 sul giornale del 21 giugno 2014 - 1460 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, Comune di Pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/6bp





logoEV
logoEV