Carne bovina infetta, sequestri anche a Pesaro

Carabinieri di Ancona 1' di lettura 10/06/2014 - Carne infetta venduta come carne pregiata. I Nas stanno eseguendo 78 decreti di perquisizione e sequestro in diverse province italiane tra cui anche quella di Pesaro-Urbino.

L’indagine, denominata “Lio”, è condotta dai Nas di Perugia che indagano sulla messa sul mercato di bovini infetti, con marchi auricolari contraffatti e dichiarati falsamente di razza pregiata. I bovini malati nati in aziende agricole dell'Italia meridionale, venivano immessi sul mercato per la macellazione mentre medici veterinari producevano falsi documenti per eludere i controlli sanitari.

Sono ben 78 i decreti di perquisizione e sequestro che riguardano tutto il territorio nazionale. Coinvolte le province di Arezzo, Avellino, Bari, Foggia, L’Aquila, Latina, Lodi, Matera, Padova, Perugia, Pesaro-Urbino, Pistoia, Potenza, Ravenna, Rieti, Roma, Terni, Siena, Torino, Verona e Viterbo.






Questo è un articolo pubblicato il 10-06-2014 alle 11:13 sul giornale del 11 giugno 2014 - 7407 letture

In questo articolo si parla di cronaca, pesaro, carne, NAS, bovino, rossano mazzoli, carabinieri di Ancona, articolo, carne infetta

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/5xI





logoEV
logoEV