Porto di Pesaro, Di Domenico: 'Il Comune getta la spugna'

Di Domenico al porto 2' di lettura 05/03/2013 - Il Sindaco, rispondendo ad una interrogazione del Consigliere Comunale Alessandro Di Domenico sul porto di Pesaro, “getta la spugna” ; il PRG portuale non si farà e la parte urbanistica è già stata definita. Il porto non sarà fruibile prima della stagione estiva 2014 se non rimarrà incompiuto.

Se con il primo stralcio di fondi si sono realizzate tutte le opere più importanti della nuova darsena e del prolungamento del molo di levante, nonché l’abbattimento di strutture preesistenti per un importo di circa 15 milioni di euro, è con il secondo stralcio, non meno di 10 milioni di euro, che potrà essere resa fruibile, ed agibile, tutta l’area, sia per la parte commerciale, sia per il transito di mezzi o per le nuove concessioni di rimessaggio. Pertanto il primo quesito che chiedeva di poter conoscere se, alla conclusione del primo stralcio dei lavori, l’area portuale sarà fruibile ai cittadini, la risposta è no.

Il secondo stralcio, che il Sindaco ha definito “funzionale”, di soli 1 milione e mezzo di euro, riguarda il dragaggio dell’attuale “porto turistico” insabbiato, pertanto si reputa che neppure lui sappia se per gli altri 5 – 6 milioni di euro ci sarà o meno la copertura. Vorrei poi tranquillizzare i bagnini che per questa stagione non vedranno il ripascimento delle spiagge con la sabbia della darsena da dragare; infatti questo avverrà a Settembre. Non capisco la razio di questa scelta visto che a Settembre, con la brutta stagione alle porte, tutta la sabbia potrebbe essere spazzata via alla prima mareggiata, e , quindi nel 2013 potremmo buttare a mare, è il caso di dirlo, centinaia di migliaia di euro dei cittadini.

In ogni caso, anche se i lavori si concludessero con il “taglio” dell’attuale molo della vecchia darsena di ponente per circa 60 m, tutta l’area nuova di Ponente e la fruizione del molo di Levante, potrebbe rimanere occlusa per la mancanza di opere di finimento e di messa in sicurezza. In particolare nel molo di Levante occorre che la sede carrabile venga messa sullo stesso livello il vecchio molo, quello del Moloco per intenderci, e la sua protezione rinforzata. Insomma, i lavori nel “nuovo porto” non sono ancora conclusi e di fatto del 2° stralcio di finanziamenti statali non se ne sà nulla, almeno così sembra, e per la prossima stagione estiva difficilmente il porto verrà concluso e reso agibile ai cittadini.

Il Sindaco ha poi confermato che non ci saranno modifiche alla viabilità nell’attuale area portuale, quindi si presuppone che per ancora i prossimi 40 anni tutto rimarrà così: “approssimativo”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-03-2013 alle 12:38 sul giornale del 06 marzo 2013 - 2142 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, pdl, Consigliere Comunale, porto pesaro, notizie pesaro, Alessandro Di Domenico, pdl pesaro, consigliere comunale pdl pesaro

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Kdy





logoEV
logoEV