Monte Nerone: al Teatro Libero una sfilata di grandi talenti dell'arte internazionale

Del Sorbo e Mariani 5' di lettura 08/08/2011 -

Come può un pianoforte farsi ponte fra i linguaggi diversi dell'arte, e un musicista traghettare un teatro e il suo pubblico nel bosco? L'impresa apparirebbe quasi folle. Eppure Mario Mariani, musicista pesarese, c'è riuscito: la sua nuova avventura, il Teatro Libero del Monte Nerone è diventata in poche settimane un evento da non perdere per chi si aggira nei dintorni marchigiani e un punto di riferimento per artisti da ogni parte del mondo.



Dopo aver alzato il suo sipario nella pineta di Fosto (Cagli), il pianista e compositore pesarese anche questa settimana ospiterà alcuni volti di primo piano sullo scenario internazionale.

Grande attesa per due concerti di punta: a partire dalle 18.00, giovedì 11 agosto l'happening di musica e pittura live con l'artista anglo-italiano Giuliano del Sorbo riunirà due talenti che, dopo il successo ottenuto nel maggio 2010 al Teatro Rossini, tornano a comporre la loro opera corale ciascuno secondo il proprio linguaggio, ma in una stessa sintonia di emozioni. www.giulianodelsorbo.it.

Venerdì 12, sempre alle 18.00, sarà invece la volta del concerto al pianoforte con Mario Totaro: un duo di pianisti e compositori entrambi pesaresi, Mariani e Totaro, che si ritrovano insieme dopo oltre 20 anni di esibizioni e riconoscimenti in Italia e all'estero. Uno spettacolo di forte impatto, ispirato dalle emozioni che il momento suggerirà nel ricordo di due vite vissute per la musica. Una sintesi originale che, riprendendo il virtuosisimo del duo Chick Corea & Frederich Gulda, prende le distanze dal tipico linguaggio jazz ed approda alla piena libertà espressiva, come nella lezione della grande musica del Novecento. www.mariototaro.it.

Se sabato 13 la luna piena ispirerà il secondo concerto per piano solo di Mario Mariani, domenica 14 il pianista incontrerà Massimo Ottoni, con cui eseguirà la performance Mandala, incantevole spettacolo che, mescolando linguaggi artistici diversi, come l'arte visiva e la musica, darà vita alla fluidità della sabbia in un dipinto emozionale raccontato sulle melodie del pianoforte. www.myspace.com/massimoottoni.

Nel corso della settimana ancora tante altre suggestioni: dalla musica alla cultura, martedì 9 agosto la giornalista e scrittrice anconetana Chiara Giacobelli racconterà personalmente le curiosità tratte dal suo libro “101 cose da fare nelle Marche almeno una volta nella vita”, in queste settimane nelle top list delle librerie, mentre mercoledì 10 agosto, notte delle stelle cadenti, concerto Hippy 2.0 con l'affermato polistrumentista pesarese Michele Panzieri.

Per raggiungere la pineta di Fosto ed il Teatro Libero del Monte Nerone, è possibile seguire le indicazioni come descritte dall'artista stesso nel proprio sito web o contattare il numero 328/3292515.

www.mariomariani.com

MARIO TOTARO
profilo e biografia dell'artista


Diplomato in pianoforte al Conservatorio “G. Rossini” di Pesaro col massimo dei voti e lode e in composizione al Conservatorio “G. Verdi” di Milano col massimo dei voti, nonchè allievo di Franco Scala per il pianoforte e di Mario Garuti per la composizione, si è dapprima dedicato prevalentemente all'attività pianistica, perfezionandosi al "Mozarteum" di Salisburgo con Carlo Zecchi e a Imola ("Incontri col Maestro") con Gyorgy Sandor, Alexander Lonquich, Aldo Ciccolini, Nikita Magaloff e Bruno Canino.

A diciannove anni ha ottenuto il suo primo incarico di docenza presso il Conservatorio di Pesaro, dove insegna tuttora.

Ha vinto numerosi concorsi pianistici nazionali ed internazionali ("Città di Stresa", "E. Porrino" di Cagliari, "Città di Como", "Città di Gaeta", "Città di Albenga", "A.M.A. Calabria" di Lamezia Terme ecc.), due "Premi speciali della giuria" e una Borsa di Studio come migliore allievo della classe di Jörg Demus al Festival pianistico internazionale "Da Bach a Bartók". Ha svolto un'intensa attività concertistica in tutta Italia e all’estero, proponendo anche programmi basati sull'improvvisazione e sulla "contaminazione" fra generi musicali. Nel 1992 ha fondato il Trio Diaghilev (due pianoforti e percussione), una formazione selezionata da Piero Rattalino e Roberto Hazon per "meriti eccezionali", con la quale ha proposto, in Patria e all'estero, numerosi arrangiamenti di alcuni fra i maggiori capolavori musicali del '900 e sue composizioni originali in prestigiose stagioni concertistiche("Rossini Opera Festival" ed "Ente Concerti" di Pesaro, "Istituzione Universitaria dei Concerti" e "Cidim - Musica Duemila" di Roma, "Sagra Musicale Malatestiana" di Rimini,"Associazione A. Scarlatti" di Napoli, "Società Filarmonica" di Trento, "Autunno Musicale" di Como ecc.) nonché in importanti trasmissioni radiofoniche.

Nel 1995 è stato invitato, come solista, a rappresentare l’Italia al Festival Internazionale “Europäische Klaviertage” di Iffeldorf (München), accanto a Lars Vogt e ad altri concertisti di fama, con un recital trasmesso in diretta dalla Radio Bavarese. Ha svolto un’intensa attività didattica, tenendo corsi di perfezionamento strumentale e di analisi musicale (da solo e in collaborazione con insigni didatti, tra i quali Annibale Rebaudengo) basati su formule originali ed innovative, dirette ad approfondire i rapporti fra cervello, sistema nervoso centrale e movimenti finalizzati all’esecuzione musicale.

Alcuni suoi lavori hanno ottenuto riconoscimenti in Concorsi internazionali ("Ennio Porrino" - Cagliari) e sono stati trasmessi più volte nel corso di produzioni radiofoniche RAI (“Radiotre Suite”, “Il brivido della classica”, dal Salone della Musica di Torino) e suRadioClassica. Ha ricevuto commissioni da parte di importanti istituzioni artistiche (“Rossini Opera Festival”, “Feste Musicali di Bologna”, "Sagra Musicale Malatestiana”,“Accademia Pianistica Incontri col Maestro” di Imola, "Ente Concerti" di Pesaro, “Rassegna Lirica Torelliana”, "Centro Astor Piazzolla" ecc.).

Dal 2006 dirige il "Laboratorio di musica del '900 e contemporanea" presso il Conservatorio di Pesaro, una struttura che, accanto allo studio dei capolavori del secolo scorso, si propone di stimolare nuovi progetti musicali e di promuovere la musica delle ultime generazioni. La sua attività di interprete è oggi in massima parte rivolta all'esecuzione di musiche proprie.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-08-2011 alle 16:25 sul giornale del 09 agosto 2011 - 1931 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, Organizzatori, mario mariani, del sorbo, Teatro Libero del monte nerone

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ofK





logoEV