Volley: terza Supercoppa per la Scavolini Volley

12/10/2009 - Incredibile vittoria delle colibrì, che con una formazione inedita sbancano Torino e si portano a casa la terza Supercoppa della propria storia battendo la favorita Asystel Novara

Una Scavolini infinita quanto a grinta e voglia di battersi porta a casa anche la Seat Supercup 2009 superando la favorita Asystel Novara dopo due ore di battaglia a Torino, in un PalaRuffini ormai consacrato alle grandi vittorie delle colibrì (la prima Coppa Cev arrivò proprio qui, nuovamente contro una squadra piemontese: la Big Mat Chieri).


La squadra pesarese è scesa in campo con un sestetto inedito, con Marinkovic opposta a Ferretti e Saccomani in banda al posto di Senna Usic. In campo anche, per preziosi contributi in battuta e difesa, anche Boscoscuro e Mari. Assenti sia Kasia Skowronska che Senna Usic, in panchina a tifare per le compagne.


Set ad elastico: primo dominato dalle colibrì, secondo tenuto in pugno sin dall\'inizio dall\'Asystel, terzo con la Scavolini di nuovo a suonare le danze, quarto con Novara a tornare avanti sino al 23-18 e poi a rischiare grossissimo con la Scavolini ad impattare a 23 prima di cedere in volata. Decisione al tie-break, con Scavolini avanti 5-2 e poi raggiunta. Finale in volata, con una Costagrande-monstre (MVP) affiancata da Saccomani e Marinkovic nelle stoccate finali. Soddisfazione enorme in casa pesarese, per un trofeo che premia mai come questa volta il gruppo.


Per le colibrì si tratta della terza Supercoppa Italiana vinta in tre finali: 2006, 2008 e 2009. La vittoria nella Seat Supercup 2009, la Supercoppa italiana che ha aperto sabato pomeriggio la stagione 2009/2010 della pallavolo femminile, ha portato nella bacheca della Scavolini Pesaro il dodicesimo trofeo.


La serie di vittorie delle colibrì si è aperta nel 2003, quando la Robursport si aggiudicò a Sansepolcro la Coppa Italia di A2, battendo in semifinale il Mazzano del suo futuro coach Abbondanza e in finale la favoritissima Big Mat Chieri della sua attuale palleggiatrice Francesca Ferretti.


Tre anni dopo, al PalaRuffini di Torino, primo alloro europeo con la allora Coppa Cev strappata nuovamente al Chieri nella finale giocata praticamente in trasferta, dopo una semifinale vinta ai danni delle russe del Balakovskaia Balakovo. Alla fine dello stesso anno, a Monterotondo, prima Supercoppa italiana conquistata ai danni di Foppapedretti Bergamo (in semifinale) e Asystel Novara (in finale).


E\' del 2008 la seconda vittoria europea: la Cev Cup, strappata a Belgrado alle francesi del Rocheville-Le Cannet dopo la semifinale vinta con le russe del Samorodok Khabarovsk. Un mese e mezzo dopo, il primo scudetto, in finale con la Despar Perugia campione d\'Europa. Ad ottobre dello stesso anno, seconda Supercoppa italiana, grazie al successo casalingo sulla Foppapedretti Bergamo.


Nel 2009, infine, l\'esplosione, con sei titoli tutti in una volta: Coppa Italia ad Eboli, superando Conegliano, Busto Arsizio e, in finale, Novara; secondo scudetto, sempre in finale con le piemontesi; Supercoppa italiana, nuovamente a Torino e ai danni di Novara. In mezzo, sulla sabbia, il grande slam estivo con scudetto, Coppa Italia e Supercoppa italiana di Sand volley.


ASYSTEL-SCAVOLINI 2-3

ASYSTEL NOVARA: Barazza 8, Flier 22, Barcellini 16, Paggi 16, Kirillova 3, Tom 21; Sirressi (L), Rosso, Camera, Lapi 1. N.e. Zardo, Scarabelli.

SCAVOLINI PESARO: Saccomani 9, Garzaro 9, Marinkovic 16, Costagrande 33, Guiggi 8, Ferretti 4; Wijnhoven (L), Boscoscuro, Mari. N.e. M.Usic, S.Usic, Skowronska. All. Vercesi.

NOTE Parziali 19-25 (26\'), 25-18 (24\'), 21-25 (27\'), 25-23 (29\'), 13-15 (16\'). Asystel: battute sbagliate 18; battute vincenti 2; ricezione 66% (prf 55%); attacco 46%; errori 27; muri 13. Scavolini: battute sbagliate 3; battute vincenti 2; ricezione 76% (prf 62%); attacco 42%; errori 16; muri 14.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 12-10-2009 alle 20:35 sul giornale del 13 ottobre 2009 - 1721 letture

In questo articolo si parla di pallavolo, sport, pesaro, Scavolini