Somministrazione alimenti e bevande in spiaggia, Confesercenti sollecita più controlli

29/07/2009 - Più controlli per contrastare le attività che esercitano la somministrazione di alimenti e bevande lungo le nostre spiagge senza le necessarie autorizzazioni: è la richiesta che Confesercenti ha inoltrato alla Polizia Municipale di Fano attraverso la segretaria comunale Ilva Sartini.

“Ogni giorno –spiega Sartini- ricevo numerose segnalazioni da parte dei titolari di ristoranti e pubblici esercizi operanti nel retro spiaggia in merito al moltiplicarsi delle attività abusive di ristorazione, praticate sui litorali di Fano, Marotta, Torrette e Ponte Sasso. Gli operatori denunciano, infatti, l’organizzazione di vere e proprie cene o pranzi, là dove c’è soltanto il permesso di vendere gelati confezionati oppure, al massimo, prodotti alimentari tramite i distributori automatici”.



“Di fronte a tale situazione -prosegue Sartini –abbiamo sollecitato maggiori controlli da parte delle forze dell’ordine nella speranza che le normative di settore siano rispettate, che ognuno torni a fare il proprio lavoro e che non ci siano categorie penalizzate rispetto ad altre”. Confesercenti ha cercato di sensibilizzare sul problema anche tutti i Comuni della provincia: “A seguito degli incontri avvenuti qualche tempo fa con i titolari di bar e ristoranti delle Vallate del Metauro e del Cesano, ci siamo resi conto come il problema dell’abusivismo commerciale, legato in particolare al settore della somministrazione alimenti e bevande, sia molto sentito dagli operatori.



Per questo, in una lettera indirizzata a tutti i sindaci, abbiamo ricordato quali sono le regole, spesso disattese, alle quali dovrebbero attenersi i circoli privati, chiedendo ovviamente maggiori controlli e, se necessario, un’opportuna repressione”. “Il problema dell’abusivismo è quanto mai attuale per i nostri operatori –conclude Sartini- già esasperati dalla difficile situazione economica. L’auspicio è che gli organismi preposti –dalla Polizia Municipale alla Capitaneria di Porto- mettano fine a queste forme di concorrenza sleale che davvero creano difficoltà a un’intera categoria”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-07-2009 alle 15:00 sul giornale del 29 luglio 2009 - 1169 letture

In questo articolo si parla di attualità, Confesercenti Pesaro