Terremoto Abruzzo: Protezione civile, volontari pronti a partire

09/04/2009 - In seguito all’evento sismico che la notte di domenica 5 aprile ha interessato l’Emilia Romagna e l’Abruzzo, l’ufficio Protezione civile del Comune di Pesaro ha contattato tempestivamente la Regione Marche - Sala operativa unificata permanente (Soup) per dare la propria disponibilità ad inviare due squadre operative del volontariato comunale di Protezione civile.

Attualmente i volontari del gruppo comunale che hanno dato la propria disponibilità ad intervenire nelle zone interessate dal terremoto sono circa una trentina. Le squadre – formate da 4 volontari -, dotate di automezzi, attrezzature e dispositivi di protezione individuale, sono attive e pronte per l’impiego.



La partenza, prevista a breve, sarà disposta dalla Regione Marche che ha la funzione di coordinamento tra il dipartimento nazionale di Protezione civile e le forze istituzionali locali. Intanto il prefetto ha scritto una lettera al primo cittadino di Pesaro e agli altri sindaci della provincia con la quale li invita a far sì che le associazioni di volontariato e la cittadinanza inoltrino le loro offerte di sostegno e aiuto alla Prefettura per un preventivo esame e successivo inoltro al dipartimento di Protezione civile, onde evitare confusione e sovrapposizioni.



Lunedì scorso, infine, il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità un ordine del giorno nel quale impegna il sindaco “a confermare la disponibilità già espressa dalla struttura comunale di protezione civile a partecipare con i propri volontari e i propri mezzi nell’ambito del coordinamento regionale, agli interventi di soccorso e assistenza”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-04-2009 alle 11:34 sul giornale del 09 aprile 2009 - 803 letture

In questo articolo si parla di attualità, pesaro, Comune di Pesaro