Forzava le auto per poi rubare in casa

scasso arnesi attrezzi da scasso 03/03/2009 - E\' stato condannato ad un anno di carcere l\'uomo colto in flagrante dai Carabinieri di Pesaro durante lo scasso di un veicolo: alla base dell\'effrazione c\'era un piano ben preciso.

Si avvicinava di soppiatto alle auto, ne forzava la portiera e si impadroniva delle chiavi, poi, dopo aver consultato i documenti del veicolo, si recava nell\'abitazione del proprietario dell\'auto per rubare in casa; era questo il collaudato copione del brindisino di 43 anni arrestato ieri mentre tentava di mettere a punto l\'ennesimo colpo ai danni di un\'auto di proprietà di una dicianovenne pesarese.


A.C., queste le iniziali dell\'uomo, aveva già dei precedenti penali e, dopo che i Carabinieri di Pesaro l\'hanno colto sul fatto è stato processato per direttissima e condannato ad un anno di reclusione ed è ora sotto custodia nel carcere di Villa Fastiggi. La perquisizione personale e quella della sua auto, avevano già dato buoni risultati; erano stati ritrovati, infatti, vari attrezzi per il furto e lo scasso come: guanti, cacciaviti, forbici, pinze, torce, nastro gommato e un piccolo ferro modificato da utilizzare come passepartout.








Questo è un articolo pubblicato il 03-03-2009 alle 18:15 sul giornale del 03 marzo 2009 - 1018 letture

In questo articolo si parla di cronaca, Mariafrancesca Sticca





logoEV