Cagli: in crescita la presenza di stranieri in città e nella zona

piobbico 28/02/2009 -

Dati su popolazione e imprese nel corso dell’assemblea congressuale di Cagli:  il paese preferito dagli stranieri? Piobbico.Invece è Cantiano la località meno ambita.



Quale è il posto preferito dagli stranieri (almeno a livello statistico), nell’ex Comunità montana del Catria e Nerone? A leggere i dati dell’Istat è Piobbico. Ed il Comune dove ce ne sono meno? Sempre secondo i dati demografici dell’istituto di statistica aggiornati al primo gennaio scorso, è Cantiano.


Nel paese dei brutti il peso della popolazione straniera residente tocca percentuali più alte rispetto alla media provinciale. Con 275 stranieri su 2.108 abitanti, la percentuale degli extracomunitari è infatti del 13%. A Cantiano invece, a fronte di 2.459 abitanti, il peso degli stranieri (92) è appena del 4%. Nella vallata è Cagli il comune con il maggior numero di abitanti (8.995), in crescita per la prima volta dagli anni Sessanta con un 7% di stranieri. Seguono Acqualagna con 4.367 abitanti ed una percentuale di stranieri del 6%. La classifica degli abitanti vede poi Apecchio con 2.092 abitanti ed un 8% di popolazione straniera.


In questo territorio, seppure penalizzato dai collegamenti, è invece forte la presenza di imprese che complessivamente ammontano a 2.251. Di queste 1.018 insistono nel comune di Cagli, altre 517 ad Acqualagna, 271 ad Apecchio, 236 a Cantiano e 209 a Piobbico. I settori più forti sono rappresentati dall’agricoltura (che comprende agriturismi, cooperative e aziende), con 546 attività. Seguono il commercio (512 ditte), le costruzioni (352), la manifattura (328), il terziario (300). Si discuterà di popolazione e problemi del territorio nel corso dell’assemblea congressuale della CNA di Acqualagna, Cagli, Cantiano, Apecchio, Piobbico, che si terrà lunedì 2 marzo con inizio alle ore 20.45 nella sede CNA di Acqualagna in via Santa Lucia 26.


Al termine si procederà all’elezione dei nuovi organismi di sezione. Il dibattito, al quale sono state invitati gli amministratori locali, sarà aperto dal presidente uscente della CNA di Cagli, Serenella Pambianchi. La relazione sarà invece svolta dal responsabile dell’ambito territoriale, Massimo Galli. Le conclusioni sono state affidate a Mario Perlini, responsabile provinciale Servizi della CNA di Pesaro e Urbino.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-02-2009 alle 15:21 sul giornale del 28 febbraio 2009 - 981 letture

In questo articolo si parla di attualità, piobbico, CNA Pesaro