Luis Bacalov in concerto domenica al Teatro Rossini

Luis Bacalov 30/12/2008 - Il 2009 si apre con un magnifico ospite sul palco del Teatro Rossini di Pesaro (Marche) per la 49° Stagione concertistica a cura dell’Ente Concerti: Luis Bacalov.

Il concerto per piano solo proposto da questo grande maestro argentino, domenica 4 gennaio 2009 alle 18.15, è un emozionante viaggio tra “Tango e dintorni”. Titolo anche di un suo recente lavoro discografico registrato in quartetto e apprezzato dalla critica oltre che dal pubblico di appassionati, “Tango e dintorni” si nutre sia di musica cosiddetta colta che di quella popolare, in un percorso che non fa troppe concessioni a facili steccati tra “alto” e “basso”, ma avanza raccontando l’evoluzione e la forza di un patrimonio sonoro aperto a nuova ispirazione.


Pianista, compositore, direttore d’orchestra, arrangiatore, Luis Bacalov è particolarmente noto e apprezzato come autore di partiture per il cinema. Ha scritto musica per film di Scola, Pasolini, Petri, Fellini, Lizzani, Giraldi, Wertmuller e molti altri. Resta memorabile la colonna sonora de “Il postino” di Massimo Troisi che nel 1995 gli è valsa il Premio Oscar come Miglior Colonna Sonora. Il programma previsto per la serata di Pesaro inizia con alcune pagine di Ignacio Cervantes (1847-1905) per concludersi con le Stagioni di Piazzolla, passando per diversi compositori tra cui Albeniz e Stravinskij, ma anche Morricone, Gardel e Bacalov stesso. Nato come materiale principalmente folklorico costruito su base ritmica e legato alla danza caratteristica di Buenos Aires e Montevideo, fu Piazzolla nella metà degli anni Cinquanta a dare un nuovo carattere al tango. Musica tradizionalmente legata all’Argentina, terra di immigrazione e dunque ricca di varietà culturali, Piazzolla la miscelò a influssi jazz e altre forme apparentemente estranee, aumentandone il carattere nostalgico e aprendolo alla sensibilità di ascoltatori in tutto il mondo e a nuove ispirazioni. Prima di Piazzolla però, il tango arrivò in Europa con alcune varianti, dividendo gli animi così come era accaduto per il valzer agli inizi dell’Ottocento e trovando però spazio in raccolte di compositori come Albeniz e in “Histoire du Soldat” di Stravinskij. Il primo usò il tango come collegamento alla musica popolare, il secondo per distruggere attraverso la ‘musica d’uso’ la tradizione tardo-romantica europea. Con la diffusione del cinema, il tango divenne poi soprattutto canzone a ballo fino all’arrivo di Piazzolla che ne liberò il potenziale come vera e propria musica da camera, di fascinoso ascolto e intime suggestioni.


La Stagione concertistica di Pesaro a cura dell’Ente Concerti di Pesaro è realizzata in collaborazione con il Comune di Pesaro e il sostegno di Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Marche, Giunta Regionale, Assessorato alla Cultura, Fondazione Cassa di Risparmio, Banca Marche. Info biglietteria del Teatro Rossini 0721.387621, Ente Concerti 0721.32482 - www.enteconcerti.it.


Il programma del concerto TANGO E DINTORNI - Ignacio Cervantes (1847-1905) Contradanze (El velorio, La glorieta, Adios a Cuba) - Isaac Albeniz (1860-1909) Tango - Juan José Castro (1895-1968) Evocación Llorón Compadrón Milonguero Nostálgico - Ennio Morricone (1928) Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto - Luis Bacalov (1933) Concierto de Buenos Aires - Igor Stravinskij (1882 - 1971) Tango - Luis Bacalov 3 Tanghitudes Ricercare Baires 1 - Carlos Gardel (1887-1935) El dìa que me quieras - Angel Villoldo (1861-1919) El Choclo - Astor Piazzola (1821-1992) Decarìsimo Invierno Porteño






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-12-2008 alle 01:01 sul giornale del 30 dicembre 2008 - 914 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, associazione