Maltempo: la Regione chiede lo stato di calamità

spacca 16/12/2008 - La Regione Marche ha chiesto al Governo nazionale lo stato di emergenza per i danni causati dalle mareggiate dello scorso 11 dicembre, anticipando che “occorreranno almeno due settimane, dal termine delle condizioni meteorologiche avverse” per individuarne l’entità.

Il presidente Gian Mario Spacca ha inviato una lettera al presidente del Consiglio dei ministri, on. Silvio Berlusconi, evidenziando che “solo con la dichiarazione dello stato di emergenza e la successiva nomina di un commissario delegato sarà possibile avviare celermente gli interventi di ripristino, in tempo utile per la prossima stagione primaverile-estiva”. Spacca ha precisato che il maltempo ha interessato l’intero territorio regionale, con precipitazioni medie di 70 millimetri di pioggia e picchi locali di circa 110 millimetri.


“L’intero tratto costiero è stato interessato da violente mareggiate da levante – ha scritto il presidente – i cui effetti sono stati amplificati dall’alta marea, con altezze onda pari a circa 2,5 metri. La violenza del mare ha raggiunto e danneggiato tutte le infrastrutture di tipo turistico, ha eroso tratti di strada costiera, scoperchiando le condotte fognarie, ha interessato in più punti la dorsale ferroviaria che collega Bologna a Bari”. Il mare ha anche invaso porzioni di territorio limitrofe, “con conseguenze ambientali non valutabili nel breve periodo”. Spacca ha anche segnalato “episodi critici che si sono registrati soprattutto nei comuni di Numana, Loreto, Recanati, Porto Recanati, Montemarciano, Mondolfo, Pesaro, Cupramarittima, San Benedetto del Tronto. Fortunatamente non si sono avute conseguenze gravi per le persone, solo per la pronta risposta data da tutte le amministrazioni interessate, coordinate dalla Sala operativa della Protezione civile regionale.


Lo scenario risultante da questa violenta ondata di maltempo è quello di un territorio compromesso nella quasi totalità della fascia costiera, dove insistono sia le attività turistiche che sono determinanti per l’economia regionale, sia le principali infrastrutture stradali e ferroviarie. Il restante territorio collinare e montano – conclude Spacca – è stato, poi, interessato da molteplici fenomeni franosi, che hanno minacciato soprattutto il reticolo viario provinciale e comunale, nonostante l’ottimo livello di manutenzione dei suoli che, da sempre, caratterizza le politiche gestionali degli enti locali di questa regione”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-12-2008 alle 01:01 sul giornale del 16 dicembre 2008 - 915 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, gian mario spacca


Commento modificato il 16 dicembre 2008

Non ho capito il senso del titolo, stavolta.<br />
Pare quasi che Senigallia sia stata non considerata, ma nei 70 Km di costa c\'è eccome: solo per fortuna non ha avuto gli enormi danni che hanno avuto località come Montemarciano e Porto Recanati!

GigettodiSanGilio

... e che dire della dimenticanza di Marotta di Fano dove, in alcuni tratti, la spiaggia è stata martoriata allo stesso modo della parte della Marotta in comune di Mondolfo?

giancarlo d'anna

Ci sono quasi 5 milioni di euro da parte della Regione compresa sSenigallia, Mondolfo e Fano come richiesto da diversi consiglieri compreso il sottoscritto

Ciampy

Ci terrei a far presente che la maggior parte delle infrastrutture di tipo turistico hanno concessioni stagionali, se non erro cio\' significa che ad aprile-maggio possono essere allestite e che a settembre vanno rimosse. <br />
Mi auguro che gli eventuali risarcimenti non vadano a chi, in dispregio della legge e del paesaggio, non si e\' adoperato a rimuoverle nei tempi stabiliti. <br />
Cio\' sarebbe un\'ulteriore beffa per chi puntualmente rispetta le leggi e paga le tasse!




logoEV
logoEV